Il Piano di Gestione della Riserva di Collemeluccio (Terza parte)

Parliamo brevemente del Piano di Gestione della Riserva di Collemeluccio a Pescolanciano. Il Piano proponeva delle prescrizioni di intervento selvicolturale per la conversione ad alto fusto del ceduo di cerro costituitosi all’interno dell’abetaia in seguito alle intense utilizzazioni e antropizzazioni che il bosco aveva subito nell’arco delle due guerre mondiali….

Continua a leggere

Pescopennataro – Sant’Angelo del Pesco: Il Bosco degli Abeti soprani (prima parte)

Comuni interessati: Pescopennataro e Sant’Angelo del Pesco; Sito di importanza comunitaria: codice IT7218215 “Abeti Soprani Monte Campo Monte Castelbarone Sorgente del Verde”; Superficie complessiva del Sito: Ha 3033; Superfice abetina stato puro ragguagliata indicativa: Ha 1000; Altitudine media: 1250-1300 mslm. Andiamo un pò in giro nel bosco degli Abeti Soprani…

Continua a leggere

Il Fiume Fortore e il Lago di Occhito – Il Piano di Gestione area SIC-ZPS

La Giunta della Regione Molise con Seduta del 6 agosto 2010, n. 672. avente per oggetto: “Progetto Life Natura Fortore “Azioni di conservazione per i SIC del Fiume Fortore” – Adozione del Piano di Gestione del SIC/ZPS “Lago di Occhito”, codice: IT7222248″,  ha adottato il Piano di Gestione del SIC/ZPS…

Continua a leggere

Pescopennataro – Il Bosco di Vallazzuna

Comune interessato: Pescopennataro; Superficie bosco: Ha 300 circa; Sito di Importanza comunitaria: codice IT7218217; Quota minima: mt 900 slm; Quota massima: mt 1120; Rete Natura: Habitat codice 9510: A Nord Est del comune di Pescopennataro in Alto Molise c’è una caratteristico sito di importanza comunitaria rappresentato da un unico complesso…

Continua a leggere

Pescolanciano – La Riserva di Collemeluccio (seconda parte)

L’altitudine della Riserva di Collemeluccio varia tra i 795 ed i 1.075 m.s.lm, la pendenza è generalmente modesta ed i terreni, del tipo “suolo bruno calcarei”, derivano da un’unica formazione miocenica, costituita da arenarie micacee, argille scistose e calcari marnosi. Le precipitazioni sono in media di 900-1000 mm annui e…

Continua a leggere

Che fine ha fatto il “Parco” del Matese? Dedicato a Flavio Bruni.

Anno 2009. Cinque anni fa. Lodevole iniziativa per l’istituzione del parco “Regionale” del Matese. Da qui l’appello del Comitato promotore di allora e le battaglie a cui aderirono, cittadini, comuni, associazioni varie. Ne parlò anche in un articolo il geologo Mario Tozzi su Primapagnamolise  del 07/10/2009. Anche noi di molisealberi ne…

Continua a leggere