Tag Archives: alberi

alberi

Zone fitoclimatiche e distribuzione delle specie arboree

La distribuzione delle specie arboree ed arbustive in Italia risente notevolmente del clima e della morfologia delle diverse aree. La flora nazionale è caratterizzata da una forte differenziazione nella distribuzione e nella struttura della vegetazione. Pertanto è possibile suddividere la flora in tre grandi gruppi: quella autoctona delle Alpi, quella dell’Appennino centrale e settentrionale, quella dell’Appennino meridionale e delle isole. All’interno di queste categorie si trovano poi ulteriori raggruppamenti dovuti a condizioni climatiche e pedologiche particolari, ad esempio all’interno del gruppo di specie tipiche delle Alpi si trovano alcune più diffuse nelle Alpi orientali e altre nelle occidentali. Cerchiamo di capire quali sono i fattori che influenzano la distribuzione delle specie arboree. Da quanto sopra detto, risulta evidente che il clima rappresenta l’insieme di fattori che maggiormente influisce sulla distribuzione della vegetazione. Il clima, considerato in tutti i suoi componenti (temperatura, precipitazioni,…), esercita sulla copertura vegetale un’azione che produce la modifica della vegetazione stessa, per adattarsi a quella determinata situazione ambientale. Ad esempio in alta montagna, dove il manto nevoso rimane al suolo per parecchi mesi all’anno e il vento soffia ad alte velocità, le piante si sono adattate assumendo portamenti prostrati o striscianti e vegetando solamente per brevi periodi durante la stagione più calda. E’ pertanto fondamentale, quando si interviene sulla vegetazione, conoscere le caratteristiche climatiche del luogo in cui si opera.

Esistono molte classificazioni climatiche, di cui la più interessante, al fine di questa trattazione, è la classificazione fitoclimatica del Pavari (1916), la quale permette un inquadramento climatico della vegetazione forestale. Tale classificazione si basa su alcuni caratteri termici (temperatura media annua, temperatura media del mese più freddo, temperatura media del mese più caldo, media delle temperature massime estreme, media delle temperature minime estreme) e pluviometrici (precipitazioni annue, precipitazioni del periodo estivo, umidità atmosferica relativa media); in questo modo consente di suddividere l’intero globo in aree con caratteri climatici assimilabili e quindi di poter confrontare tra loro aree fitoclimatiche italiane e di altri Paesi. Ciò consente, ad esempio, di stabilire se una pianta alloctona (cioè proveniente da un altro Paese) può essere piantata in una zona italiana; in generale questo è possibile sono se le fasce fitoclimatiche sono simili.

Poichè questa suddivisione tiene conto del clima, la variazione è sia in senso altitudinale che latitudinale, pertanto si potrà avere la stessa zona fitoclimatica nell’alta montagna dell’Appennino centrale e nella bassa collina delle Alpi austriache. Ogni fascia altitudinale viene definita “zona”.

Esistono 5 zone così denominate, dal basso verso l’alto: Lauretum, Castanetum, Fagetum, Picetum, Alpinetum, i nomi attribuiti alle zone sono tratti dalla specie che caratterizza la zona stessa (nella zona del Castanetum la specie più diffusa è il castagno).
I limiti altitudinali attribuiti alle diverse zone sono solamente indicativi, è ovvio, infatti, che la zona del Lauretum si estende fino ad una altezza di 400 m s.l.m. nell’Italia settentrionale e fino a 900 m s.l.m. nell’Italia meridionale e insulare.
Alcune zone (Lauretum, Castanetum, Fagetum, Picetum) sono poi state ulteriormente suddivise in sottozone, in base a caratteri unicamente pluviometrici (con siccità estiva e senza siccità estiva).

Il Lauretum, corrisponde alla fascia dei climi temperato-caldi, ed è caratterizzata da piogge concentrate nel periodo autunno- invernale e da siccità estive. La vegetazione in questa fascia è rappresentata dalle formazioni sempreverdi mediterranee, cioè da boschi e macchie di specie xerofile (che sopportano la siccità) e termofile (che si adattano alle alte temperature). Questa zona fitoclimatica è la più estesa nell’area peninsulare e insulare dell’Italia, presente infatti in tutte le aree costiere, si propaga fino ai 400-500 m nel centro-nord, fino ai 600-700 m nel centro-sud e fino agli 800-900 m nell’Italia meridionale e sulle isole. Questi limiti altitudinali, come già accennato, sono solamente indicativi, in realtà il Lauretum si interrompe dove, per motivi climatici, non è più possibile la coltivazione degli agrumi.

Nel Castanetum minori sono le possibilità di avere siccità estive e ciò favorisce la crescita delle piante e la produzione di legname. La vegetazione spontanea è rappresentata dal castagno, che dà il nome alla zona, e dalle querce caducifoglie. I limiti altitudinali indicativi sono: nell’Italia settentrionale fino a 700-900 m, nel centro fino agli 800-1000 m e nel meridione e nelle isole fino a 1000-1200. Il Castanetum si trova nella bassa montagna appenninica e alpina e in tutta la Pianura Padana.

Il Fagetum è caratterizzato da abbondanti piogge, assenza di siccità estiva, elevata umidità atmosferica; quindi mentre le precipitazioni non sono fattori limitanti allo sviluppo della vegetazione, come nelle due fasce precedenti, le basse temperature possono costituire un limite alla crescita di alcune specie. Pertanto in questa zona vegetano piante con buona resistenza al freddo (mesofile) e che necessitano di molta umidità per il loro sviluppo (igrofile): faggio (da cui il nome alla zona), alcune querce, abete bianco.Questa zona raggiunge le seguenti quote: settentrione 1200 m, centro 1500 m, meridione e isole 1700 m. Negli Appennini il Fagetum è l’ultima zona altitudinale, pertanto il limite superiore confina con il limite della vegetazione arborea (cioè il limite oltre il quale la vegetazione arborea non riesce più a crescere e lascia il posto alla vegetazione arbustiva ed erbacea).

Nelle Alpi, invece, oltre il Fagetum sono presenti altre due zone e precisamente: il Picetum e l’Alpinetum. In entrambe queste zone il fattore limitante lo sviluppo della vegetazione sono le basse temperature. Il clima è caratterizzato da elevate umidità, con manto nevoso che permane sul suolo per molti mesi all’anno.

Il Picetum presenta formazioni boschive e pascoli permanenti. I boschi sono ancora di alto fusto, ma le piante arboree hanno modificato i ritmi fisiologici, vegetano solo per brevi periodi nella stagione più favorevole, ed hanno adattato la morfologia all’ambiente, ad esempio i fusti sono spesso sciabolati alla base (cioè ricurvi) in seguito al peso continuo della neve. Le specie che vegetano in questa zona sono in prevalenza conifere.Questa fascia fitoclimatica si estende fino ai 1900 m circa.

Nell’Alpinetum non sono presenti boschi d’alto fusto, le piante arboree, infatti, assumono la forma arbustiva per meglio adattarsi ai forti venti ed al peso della copertura nevosa: i tronchi sono contorti e striscianti. Le specie che riescono a sopravvivere in questi ambienti sono tutte microterme, cioè con pochissime esigenze in fatto di temperatura. Man mano che si sale a quote più elevate le piante si diradano fino a lasciare spazio alle sole specie erbacee, quindi alle rocce e ai ghiacci.Nelle Alpi il limite superiore dell’Alpinetum rappresenta il limite della vegetazione arborea.

Come accennato in precedenza, questa classificazione fito-climatica ci permette di collocare le specie arboree ed arbustive nelle zone, indipendentemente dalla collocazione geografica dell’area, in base alle considerazioni sopra esposte. E’ quindi importante sapere per ciascuna zona quali sono le specie arboree caratteristiche, con queste informazioni sarà anche possibile risalire al tipo di ambiente in base alle piante presenti in una certa stazione, così se abbiamo molto faggio spontaneo vuol dire che siamo nel Fagetum o se c’è una macchia di sempreverdi è probabile che ci troviamo nel Lauretum e così via.

Le piante però spesso hanno delle trasgressioni in senso altitudinale e latitudinale sia verso l’alto che verso il basso, per questo non è infrequente trovare l’abete rosso nel Fagetum (quindi a quote inferiori a quelle ideali per la specie) o il Pino silvestre nel Picetum (quindi a quote superiori a quelle ideali per la specie). Queste trasgressioni, che spontaneamente avvengono solamente nelle zone adiacenti, sono abbandanti nelle zone di transizione tra le due zone successive. Infatti, il passaggio tra una zona e l’altra non è netto ma graduale, pertanto esiste una zona intermedia in cui sono presenti specie appartenenti ad entrambe le fasce fitoclimatiche.
All’interno di ciascun genere ci sono poi differenti esigenze tra una specie e l’altra: ad esempio il genere “Acer” comprende più specie, dove l’Acer pseudoplatanus (acero montano) e l’Acer platanoides (acero riccio) possono spingersi a quote più alte perchè hanno meno esigenze di temperature, mentre l’Acer campestris è più termofilo e quindi solo raramente si trova oltre il Castanetum.

Le funzioni del Bosco

In una Regione come il Molise, fortemente interessata dal dissesto idrogeologico, ci sembra particolarmente opportuno riportare il seguente scritto, opera di R. Gellini e di A. Onnis, dal titolo “La difesa del bosco e della dendroflora”, datato 1992. “…Nel contesto del paesaggio italiano fino al diciasettesimo secolo, il bosco ha avuto, in termini di superfici coperte, un peso considerevole, certamente assai superiore all’attuale. Si è calcolato che nel sedicesimo secolo ancora quasi il 50% del territorio italiano, pari a circa 15 milioni di ettari, fosse coperto da rigogliosi boschi (Alessandrini,1971).”

Vecchio (1974) in una interessante trattazione sulle problematiche relative alla coltivazione, conservazione e fruizione economica dei boschi in Italia, riporta come esse venivano discusse nel Settecento e nei primi dell’Ottocento.
Mentre nel periodo presettecentesco la distruzione delle superfici boschive poteva essere erroneamente considerata come “un operazione neutra fino a provacontraria”, in seguito, agli studiosi e politici più illuminati, il disbocamento già appariva come operazione “deplorevole fino a prova contraria”. Infatti il ruolo insostituibile svolto dai boschi nel garantire gli equilibi naturali e quindi una visione “ecologica” delle funzioni svolte dalla copertura boschiva , venivano, già nel diciottesimo secolo, affermati e sostenuti da numerosi Autori tra i quali piace ricordare il Naturalista Targioni Tozzetti (1751-1776)….

Oggi accade ancora abbastanza frequentemente di assistere ad una contrapposizione radicale tra “chi vuol premiare i servigi ecologico-ambientali del bosco da lasciarlo perciò intoccato, e chi all’altro estremo ne vede soltanto quelli economici premendo per utilizzazioni ad ogni costo, quasi che oltretutto non fossero entrambi essenziali alla vita e al benessere dell’umanità, anche se in modi diversi e in diverse sfere di interesse” (Susmel,1989).

Riteniamo che non si possa ipotizzare una soluzione univoca a questo diverso modo di vedere il problema bosco; certamente non deve essere impossibile coniugare la salvaguardia del patrimonio boschivo indispensabile per la conservazione di un equilibrato ecosistema con un corretto, quando possibile, e sempre dovrebbe esserlo, utilizzo del patrimonio boschivo da parte dell’uomo.

Perchè questo sia possibile è indispensabile che la Società sia informata ed arrivi a comprendere quali sono le insostituibili funzioni che il bosco esplica nell’ecosistema Terra e come l’uomo debba assolutamente tenerne conto nel redigere i propri piani di sfruttamento. Si deve oggi essere convinti che tra produzione legnosa e le altre funzioni del bosco la scelta deve cadere su queste ultime, almeno nel contesto ambientale in cui viviamo; “che le funzioni ecologiche, naturalistiche, biosferiche, paesaggistiche siano prevalenti è ormai patrimonio acquisito dalla cultura e dall’opinione pubblica (a meno che non si tratti di impianti artificiali previsti e realizzati per scopi dichiaratamente visti in funzione della produzione legnosa)”.
Sul piano del diritto e della dottrina lo ha poi affermato la Corte Costituzionale con sentenza 381 del luglio 1989 nel dirimere “un conflitto tra esercizio di usi civici e vincolo naturalistico” (Calliari,1989).

Il bosco come bene economico appare quindi subordinato al bosco come elemento dell’ambiente naturale, da conservare integro come comune bene ecologico e come risorsa naturale, da gestire, per quanto possibile e prioritariamente, secondo criteri naturalistici, nel rispetto dello “invecchiamento” degli alberi e dando loro la possibilità di raggiungere la giusta età “fisiologica”, purtroppo spesso difficilmente raggiungibile in quanto sottostimata dai tecnici che tendono a privilegiare la “età economica” dei singoli individui e/o del bosco, misurata sulla base della produttività per unità di superficie boscata (Clauser,1987).

Per meglio comprendere i concetti sopra esposti, è opportuno, anche se in breve, fare riferimento a quelle che oggi sono considerate le numerose e insostituibili funzioni svolte dal bosco:

1) FUNZIONE PRODUTTIVA O ECONOMICA 
Costituzione ex novo di masse legnose da utilizzare, frutti del sottobosco e di prodotti secondari come funghi, tartufi, resine, terriccio, etc.
2) FUNZIONE IDROGEOLOGICA 
Limitazione dell’erosione del suolo, azione regimante del deflusso idrico, approvvigionamento e conservazione delle falde acquifere e di regimazione dellesorgenti.
3) FUNZIONE SOCIALE 
Fonte di lavoro e quindi di reddito e benessere per i lavoratori addetti al settore legno.
4) FUNZIONE TURISTICO, RICREATIVA 
Utilizzazione per scopi ricreativi, delle sue qualità paesaggistiche, bontà del microclima e capacità rilassante; fonte di lavoro e di reddito per gli addetti al comparto turistico.
5) DIFESA E CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO GENETICO E DELLA SUA VARIABILITA’ 
Conservazione e protezione dei peculiari popolamenti animali e vegetali.
6) PUNTO DI PARTENZA DI MOLTE CATENE TROFICHE 
Biocenosi tipiche delle foreste delle diverse aree geografiche ed ecologiche.
7) HABITAT SPECIALIZZATO PER PARTICOLARI BIOCENOSI DI ANIMALI E PIANTE. 
Ambiente di conservazione per le cenosi animali e vegetali peculiari dei diversi tipi di foreste.
8) CONSERVAZIONE DI ULTIMI RESIDUI LEMBI DI NATURALITA’ 
Mantenimento degli ultimi ecosistemi forestali tipici delle piz disparate aree fitoclimatiche.
9) FUNZIONE IGIENICO SANITARIA O AMBIENTALE 
Comprende:
a) la regolazione dell’equilibrio O2/CO2, e soprattutto la funzione di-ritenzione esplicata dal legno, dalla lettiera e dal terreno;
b) filtro e abbattimento degli inquinanti gassosi e/o particolati anche da parte di materiale vegetale morto;
c) depurazione biologica con emissione di sostanze battericide o fungicide.
d) assorbimento e diminuzione della radioattività;
e) abbattimento dell’inquinamento acustico
f) depurazine delle acque. 
10) FUNZIONE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE O DI BIOINDICAZIONE DELLA QUALITA’ DELL’AMBIENTE 

Per le sue qualità di filtro degli inquinanti atmosferici il bosco evidenzia, meglio di qualsiasi parametro chimico-fisico, le soglie di pericolosità ed i sinergismi dei vari polluenti.
Sono tutte funzioni che dimostrano come l’ecosistema bosco sia uno dei pilastri ecologici su cui poggia il Pianeta Terra e che rapidi sconvolgimenti delle condizioni ambientali e gli stress continui a cui attualmente sono sottoposto, possono provocare una diminuzione del potenziale di autoregolazione del sistema. Questo fenomeno può, a lungo andare, anche sfociare in una destabilizzazione definitiva o in una modifica irreversibile dell’ecosistema.


A cura dell’Associazione OPhrys (tratta dalla pubblicazione d’ipotesi per un diverso utilizzo di un’area del Fiume Vandra in Provincia di Isernia).